Nel corso del 2012 il Comune di Trieste ha sostenuto in qualità di partner lo sviluppo del progetto URBI ET HORTI sottoscritto da Bioest, Italia Nostra, zuf, AIAS, Per non subire, le MICROAREE di Valmaura, Via Grego, Piazzale Giarizzole, Via Soncini e Borgo Zindis di Muggia, SPI Domio, Il comitato pace e convivenza Danilo Dolci, Impronta Muggia, Merrygoround, La Rete di Economia Solidale FVG, e sviluppato in collaborazione con AIAB – Associazione Italiana Agricoltura Biologica.

Il progetto è stato finanziato dal Centro Servizi Volontariato Friuli Venezia Giulia.

URBI ET HORTI si è proposto le seguenti finalità:

  • individuare aree verdi urbane e periurbane da poter destinare alle attività ortive, progettando e attuando modalità di fruizione del territorio secondo una logica di elevata sostenibilità, sociale ed ambientale (dalla produzione agricola biologica alla condivisione di spazi e beni comuni);
  • allestire e gestire orti urbani e periurbani;
  • organizzare seminari tecnici e corsi volti a fornire una conoscenza di base su tecniche agricole biologiche e modalità di gestione di beni comuni;
  • integrare il lavoro delle associazioni di volontariato con le attività degli enti pubblici, per raggiungere risultati più alti, valorizzare le risorse pubbliche e delle associazioni.

Le azioni di sensibilizzazione e formazione alla cura degli orti attivate da URBI ET HORTI hanno rivelato la presenza di una forte domanda di orti sociali urbani. Molti sono i proprietari privati che stanno mettendo a disposizione aree per la coltivazione, dimostrando la disponibilità ad accogliere le molte “braccia” pronte a sviluppare questo tipo di attività.
I risultati raggiunti possono essere così sintetizzati:
attivati più di 10 orti, coinvolte più di 100 persone, messi in rete privati proprietari di terreni coltivabili e cittadini aspiranti orticoltori, offerto gratuitamente alla cittadinanza un corso in 10 moduli da 2 ore ciascuno di agricoltura biologica con lezioni teoriche (AIAB) e pratiche in campo, organizzati incontri tematici su Condivisione, Architettura Ambientale, Permacoltura, Apicoltura, ed altri.

Per sostenere concretamente il progetto, il Comune di Trieste ha concesso a titolo gratuito all’associazione capofila Bioest un terreno di proprietà comunale, sito presso il comprensorio denominato “Le Piane” in prossimità di via Grego (orto n.75, mq. 380 circa). Tale concessione è finalizzata allo svolgimento delle attività didattiche e di promozione della cultura degli orti previste dal progetto per l’intero l’arco di tempo della sua realizzazione e potrà essere prorogata per un ulteriore periodo a fronte della prosecuzione del progetto stesso, anche con diverse modalità, fino ad un massimo di 18 mesi.

Per informazioni:
www.facebook.com/orticomuni.trieste
urbiethorti.wordpress.com
orticomunitrieste@gmail.com
info@bioest.org